La complessità del senso
28 06 2017

Poli Opposti

film_polioppostiPoli opposti
Regia Max Croci, 2015
Sceneggiatura Gianluca Ansanelli, Tito Buffulini, Roberto Burchielli, Antonello De Leo, Mauro Graiani, Riccardo Irrera, Paolo Logli, Alessandro Pondi
Fotografia Fabio Zamarion
Attori Luca Argentero, Sarah Felberbaum, Giampaolo Morelli, Tommaso Ragno, Grazia Schiavo, Anna Safroncik, Elena Di Cioccio, Riccardo Russo, Gualtiero Burzi, Stefano Fresi, Roberto Bocchi, Jack Queralt.

Oh i fotoromanzi di una volta.. Quanto successo! Storie esemplari, caratteri disegnati con perfetta riconoscibilità, iconologia dei personaggi tipizzata al limite della fissità, problematiche ritagliate smussando gli angoli, in modo da lasciare spazio a dialettiche non troppo alternative. La sceneggiatura, scritta da una squadra di ben otto autori, configura il primo lungometraggio di Max Croci come un complicato (in apparenza) intreccio di diversità, chiaramente destinato a risolversi per il meglio, a vantaggio della tranquillità dello spettatore più sensibile verso eventuali soluzioni problematiche.  I poli opposti sono le mentalità e le concezioni della vita dei due protagonisti, Stefano (Luca Argentero), terapista di coppia portato alla conciliazione dei contrasti, e Claudia (Sarah Felberbaum), avvocato divorzista, decisamente propensa a scelte aggressive nei confronti dei mariti. Lo scontro non sarà così drammatico come potrebbe (ma nemmeno tanto) sembrare a prima vista. La ragione è semplice: il contrasto, in apparenza totale, è dovuto alla difesa, più o meno consapevole, di “idee” consolidate e non altrettanto solidamente strutturate. Di stereotipi, insomma, fondati sull’onda delle attualità convenzionali. Nessuna paura dunque, l’attrazione fisica e la disponibilità, più o meno nascosta, a lasciar parlare il “cuore” imporranno la loro legge ottimistica. Nulla in contrario, se siamo disposti ad accogliere con benevolenza la proposta di esito “naturale”. Del resto, una buona metà del film è dedicata alla presentazione/offerta di “tutte le tipologie” situazionali riguardanti il tema in oggetto. Valido l’apporto di simpatia, strariconfermata, della maschera di Luca Argentero (alla ventunesima prova d’attore). Sarah Felberbaum s’immedesima bene nelle false rigidità di Claudia.

Franco Pecori 

Print Friendly

8 ottobre 2015