La complessità del senso
17 12 2017

Neve

locandina3Neve
Regia Stefano Incerti, 2013
Sceneggiatura Patrick Fogli, Stefano Incerti
Fotografia Pasquale Mari, Daria D’Antonio
Attori Roberto De Francesco, Esther Elisha, Massimiliano Gallo, Antonella Attili, Angela Pagano.

Sì, il paesaggio è innevato, ma il contrasto tematico/simbolico sperato dal regista, neve/noir, non si realizza. A Roberto De Francesco è affidato l’arduo compito di rendere credibile e soprattutto coinvolgente la storia di Donato, un uomo qualunque in cerca di qualcosa per le strade imbiancate verso un certo cimitero. Durante un suo viaggio pieno di soste registrate in tempo reale, tanto da farci credere che si tratti di una scelta di stile, l’uomo che si guarda continuamente intorno con fare sospetto raccoglie Norah (Esther Elisha), una ragazza che ha visto scaraventata giù da un’altra auto, vittima della brutalità di un omaccione sconosciuto. Ci metteranno quasi tutto il tempo del film a conoscersi un po’. Lui se la porta dietro non sapendo cosa farne, impegnato com’è a cercare. Cosa cerca Donato? Lo sapremo con molta calma, strada facendo, mentre Norah continua a essere perseguitata dal suo manesco spasimante. Si tratta del malloppo, un po’ di bigliettoni, frutto di una rapina andata in porto, alla quale il protagonista ha partecipato per necessità “oneste” (curare la moglie malata). Commossi dalla situazione pietosa, seguiamo l’evolversi della vicenda. Dopo soste anche notturne in camere di terz’ordine dove non succede niente, arriviamo a trovare gli euro nascosti e riservati a Donato. Nevica a tratti, nessuno in giro. I tempi dilatati ci aiutano a intuire con calma il filo del racconto. Incerti dice di aver fatto «un thriller senza assassini», diremmo piuttosto un thriller senza suspence. Il regista è stato uno degli esponenti della nuova scuola napoletana, ex aiuto di Mario Martone in Morte di un matematico napoletano (1992) e di Pappi Corsicato in Libera (1993). Dopo il suo buon debutto con Il verificatore (1995) aveva dato segni di promettente conferma con La vita come viene (2001) e con Gorbaciof. Qui purtroppo ha avuto una pausa che gli auguriamo non troppo determinante.

Franco Pecori

Print Friendly

11 dicembre 2014