La complessità del senso
20 10 2017

Kiki & i segreti del sesso

film_kikiKiki, el amor se hace
Regia Paco León
Sceneggiatura Paco León, Fernando Pérez
Fotografia Kiko de la Rica
Attori Natalia de Molina, Álex García, Paco León, Ana Katz, Belén Cuesta, Candela Peña, Luis Callejo, Luis Bermejo, Mari Paz Sayago, Alexandra Jiménez, David Mora.

Il sesso è complesso e fa ridere. Le componenti attrattive e gli esiti soddisfacenti del desiderio/piacere sono mille e di più, anche se normalmente non ci facciamo caso. Si può scrivere un dramma o una commedia, una satira o una lirica, si può fare un film divertente. Lo spagnolo Paco León, prima attore soprattutto televisivo e ora regista al suo terzo film (Carmina o revienta 2012, Carmina y amén 2014), si cimenta nella tessitura di una stoffa dalle qualità multiple, setosa e ruvida, calda e fresca, dai colori sgargianti e tristi, insomma buona per tutte le stagioni del sesso, per ogni riflesso di personalità, purché nell’indossarla si sia disposti ad accettare la confezione dell’abito, anche se non lo avessimo ordinato proprio seguendo quel preciso stile di moda. La scelta offertaci è comunque ampia, il ventaglio delle situazioni somiglia a un repertorio statistico, lucido e trasparente, rivelatore e sorprendente per quanti non avessero mai fatto mente locale circa i risvolti psicoanalitici dei comportamenti sessuali. Ovvio che non sia necessario essere esperti sessuologi, basterà abbandonarsi al sorriso e alla risata, al compiacimento e al compatimento verso l’elenco situazionale propostoci in una serie gustosa e compiaciuta di scene illustrative di curiosità più o meno sospettabili. Avanti, c’è posto quasi per tutti, possiamo riconoscere i nostri “disturbi” legati all’attività amorosa. Non sarà vietato, al dunque, assumersi la responsabilità di legare le scene in un bouquet profumato da offrire sull’altare dell’Amore maiuscolo e regolamentare, tanto per salvare l’umanesimo del volersi bene. La giostra finale, in cui si ritrovano i protagonisti delle diverse scene repertoriali nella passerella riepilogativa dell’ingegnosa trovata, autorizza comunque all’archiviazione benevola di tutta la serie di pertinenze poste in ballo dalla sceneggiatura e rese efficacemente corpose dalla bravura e dalla simpatia degli attori. Sotto a chi tocca, ce n’è per molti. Vi eccitate se il vostro partner si commuove fino alle lacrime? Non avete che da cercare e incoraggiare l’occasione. Se a volte vi basta sfiorare un tessuto gradevole al tatto per andare su di giri, occhio alla seta. Se vi resta difficile trovare il momento giusto, avete provato a cogliere l’attimo mentre vostra moglie piomba nel sonno profondo? E con tutto quello che oggi si sente dire in fatto di aggressioni e ruberie, perché non chiedete al vostro innamorato di attrezzarsi per la messa in scena di falsi ma veritieri episodi di rapina in garage, in cui lui, l’uomo dei vostri desideri repressi, si spende senza riserve nel salvataggio della sua adorata? Volendo, ciascuna situazione può essere rubricata sotto il suo termine scientifico, Dacrifilia, efefilia, sonnofilia, arpaxofilia… ma poi, alla fin fine, non dobbiamo mica prenderla seriamente.

Franco Pecori

Print Friendly

23 giugno 2016