La complessità del senso
18 11 2018

Milano FF, I vincitori


2010, XV edizione

Bilancio positivo

festival_milanofilmfestival

In questi anni la dimensione del Milano Film Festival è diventata sempre più importante. Gli allestimenti estremamente funzionali, curati quest’anno dal collettivo francese Exyzt, hanno trasformato i luoghi attraversati dal festival. Il Sagrato dello Strehler e il Parco Sempione in particolare, sono diventati posti accoglienti dove migliaia di persone di ogni genere ed età si sono fermate per fare due chiacchiere o per ascoltare un concerto dopo le proiezioni. Il bed sharing ha contribuito all’incontro tra i tanti ospiti stranieri e i cittadini milanesi che hanno offerto gratuitamente un posto letto per l’intera settimana.

Qualche numero:

– 80.000 presenze al cinema
– 50.000 presenze stimate ai concerti
– 3000 cortometraggi
– 800 lungometraggi
– 200 film iscritti a colpe di stato
– da di 80 i paesi partecipanti
– età media registi iscritti: 27 anni
– 200 persone coinvolte nell’organizzazione, staff internazionale
– 400 appuntamenti
– 200 ospiti e registi ospitati grazie al bed sharing

«Il fatto che il Milano Film Festival sia in continua crescita ci riempie di soddisfazione – ha detto Lorenzo Castellini, direttore del festival insieme a Beniamino Saibene – ogni anno ci colpisce l’affetto che il pubblico esprime verso questa realtà. Ci fa inoltre particolarmente piacere vedere quante persone straniere si avvicinino a noi. I giovani che arrivano da tutto il mondo come registi, autori o volontari, ma anche gli stranieri che hanno affollato le giornate Immigration Day e Piacere Immigrato, mostrano quello che abbiamo sempre sostenuto, e cioè il carattere internazionale del Milano Film Festival».

La 16° edizione del Milano Film Festival si terrà a settembre 2011.

I VINCITORI

Miglior Lungometraggio:
On the other side of life, di Stefanie Brockhaus e Andy Wolff, Germania, 2009, 35mm, 88′

cinema_ontheothersideoflife

Una township di Città del Capo. Lucky e Bongani, due fratelli abbandonati dalla madre devono diventare adulti e affrontare la vita. Le tradizioni culturali li aiuteranno a superare le drammatiche difficoltà.

Miglior Cortometraggio:
Habibi, di Davide Del Degan, Italia, 2010, 22′

Premio Aprile (attribuito dal comitato di selezione al film che meglio rappresenta lo spirito del Festival):
Ich bins helmut, di Nicolas Steiner, Germania, 2009, 11′

Premio dello Staff:
Stardust, di Nicolas Provost, Belgio, 2010, 20′

Premio FAI il tuo film:
Le grotte di Chiafura, di Micol Colossali e Valentina Miorandi, Chiafura/Scicli/Ragusa (Sicilia)


Print Friendly

19 settembre 2010