La complessità del senso
20 11 2018

Africa, Asia, America Latina


28° FESTIVAL DEL CINEMA
AFRICANO, D’ASIA E AMERICA LATINA
“WWW-WHAT A WONDERFUL WORLD”
Auditorium San Fedele, Milano, 18 – 25 marzo 2018

60 film (25 in prima nazionale, 2 prime europee, 3 prime mondiali)

Le proiezioni sono introdotte dalla presentazione del regista
o di un esperto cinematografico. Sottotitoli in italiano.

Apertura

Une saison en France

Omaggio al regista ciardiano Mahamat Saleh Haroun
con Eriq Ebouaney e Sandrine Bonnaire.
Il film, presentato a Toronto, è il settimo del celebre autore 
Premio Speciale della Giuria a Venezia con Daratt 
Premio della Giuria a Cannes con Un homme qui crie

LE TRE SEZIONI COMPETITIVE (I VINCITORI IN ROSSO)

Lungometraggi Finestre sul Mondo
Selezione delle ultime produzioni provenienti dai tre continenti
Privilegia le opere dei giovani registi.
I Am Not a Witch (Non sono una strega)
di Rungano Nyoni (Francia/UK/Zambia, 2017) 

La piccola Shula (Margaret Mulubwa)
viene accusata di stregoneria ed esiliata
in un campo di streghe che le autorità locali
promuovono come attrazione turistica.

Cortometraggi Africani
I migliori film brevi (fiction e documentari) realizzati da registi
provenienti da tutta l’Africa e dalla diaspora.
Promuove i giovani registi africani ai loro primi passi nel cinema
e mostra le nuove tendenze e le sperimentazioni del cinema africano.
Aya di Moufida Fedhila (Tunisia/Francia/Qatar)

Extr’A
Registi italiani a confronto con altre culture con l’intento di raccontare
un’Italia che si fa interprete della diversità culturale. Film girati
nei tre continenti o che hanno come soggetto le tematiche dell’immigrazione.
Babylonia mon amour  di Pierpaolo Verdecchi (Italia/Spagna)

Tavola rotonda

AfricaTalks
WWW! What a Wonderful World
Come le nuove tecnologie stanno cambiando l’Africa
lunedì 19 marzo ore 18.00 Spazio Oberdan

 

QUI TUTTO SUL FESTIVAL

Print Friendly

24 marzo 2018