La complessità del senso
17 11 2018

Lo scanner per la sicurezza

Contro i malintenzionati, in futuro negli aeroporti ci sarà uno nuovo scanner in grado di leggere nel pensiero.  Malintent, questo il nome dell’ultima novità tecnologica nella lotta al terrorismo, usa sofisticati sensori che registrano il battito cardiaco, la temperatura corporea e il respiro. Inoltre, è in grado di valutare le espressioni facciali per comprendere gli “intenti criminali”. Ma, cosa più importante, riconosce le persone che sono semplicemente stressate o nervose dai reali “terroristi”.

Lo scanner, sviluppato da U.S. Department for Homeland Security, verrà utilizzato negli aeroporti, negli stadi e durante tutti gli eventi che richiedono misure di sicurezza elevate.

La tecnologia attualmente è installata in un laboratorio mobile che analizza il comportamento delle “cavie” con molteplici  sensori. Il primo test, su 140 volontari, è avvenuto la settimana scorsa in Maryland. «Siamo ancora nella fase iniziale di sperimentazione, ma i risultati sono molto promettenti» dice John Verrico. «Abbiamo rilevato – aggiunge- circa il 78 per cento delle cattive intenzioni». Per Amy Kudwa del DHS la strada da percorrere è ancora  lunga: «Prima di applicare la tecnologia ci vorranno ancora molti anni».  Fonte: lastampa.it 24/9/2008.

 

cinema_scannerdarkly.gif

C’era una volta Bob, poliziotto con incarico antidroga speciale: spiare anche gli amici…
Dal romanzo di fantascienza di Philip  K. Dick, il regista americano Richard Linklater
aveva tratto il film A Scanner Darkly – Un oscuro scrutare…

Print Friendly

25 settembre 2008