La complessità del senso
14 11 2018

Palermo, Sole Luna Festival

Documentari sul Mediterraneo e l’Islam


Quarta Edizione 6/12 Luglio 2009

Palermo – Complesso Monumentale di S. Anna_Galleria d’Arte Moderna

DUE CONCORSI CINEMATOGRAFICI INTERNAZIONALI

ARTE: MOSTRA E LECTURE DI JAMES TURRELL

CONVEGNO INTERNAZIONALE SULLA GROTTA DELLA GURFA

OMAGGIO A CHRISTOPEHR NUPEN

DEAF BIKERS DI DOMENICO MANGANO

La quarta edizione del SOLE LUNA Festival Internazionale di Documentari sul Mediterraneo e l’Islam, si terrà a Palermo dal 6 al 12 Luglio 2009, nella splendida cornice della Galleria d’Arte Moderna – complesso monumentale di S. Anna. Il festival, che si svolge tradizionalmente nei luoghi di maggiore interesse artistico di Palermo, si sta configurando sempre più quale punto di riferimento in Italia e non solo per il cinema realizzato e promosso dai paesi mediterranei. Il Festival è promosso dall’Associazione Onlus Sole Luna Un ponte tra le culture.

Sole Luna si articola in due concorsi internazionali di documentari e nell’omaggio al regista inglese Christopher Nupen, che da molti anni documenta il lavoro dei principali interpreti internazionali di musica classica (Jacqueline du Pré, Barenboim, Perlman, Zukerman, Mehta, Andrés Segovia). In  anteprima verrà  proposta anche una produzione del Festival: l’ultima opera del video artista Domenico Mangano, DEAF BIKERS. Diversi i concerti e i momenti musicali proposti con le esibizioni dei Radioderwish (venerdì 10 luglio alle 22), di Mari Salvato, suonatrice di fisarmonica e pianoforte (martedì 7 luglio alle 21), e della straordinaria Eyal Lerner and his Multicultural Band. Al cinema e alla musica si affianca una corposa presenza dell’arte contemporanea attraverso una mostra dedicata al lavoro di James Turrell messo a confronto con uno dei misteri dell’archeologia, la grotta della Gurfa, preistorica opera architettonica ancora al vaglio degli studiosi.

I DUE CONCORSI INTERNAZIONALI. Due le sezioni ufficiali in concorso, espressione dei temi centrali della manifestazione: L’ISLAM, cui sono ammessi documentari inerenti usi, costumi e tradizioni di ogni paese e di qualunque area del mondo islamico; IL MEDITERRANEO, che raccoglie realizzazioni documentaristiche inerenti storia, problematiche e realtà delle coste mediterranee e del mare che interfacciano. Ben sette i premi assegnati dalla giuria: Primo Premio assoluto per la migliore opera in Concorso; Premio sezione “Islam”; Premio sezione “Il Mediterraneo”; Premio per la miglior regia; Premio per la miglior fotografia; Premio per il miglior montaggio e Premio all’opera dal più alto valore culturale.

La giuria che assegnerà i premi, annovera figure professionali di spicco nel panorama internazionale ed italiano. L’inglese OLIVER WATSON, Direttore del Museum of Islamic Art di Doha e proveniente dal prestigioso Victoria and Albert Museum di Londra, è il Presidente della giuria. Al suo fianco lavoreranno il Prof. MONDHER KILANI, antropologo e docente all’Institu d’Anthropologie et de Sociologie  dell’Università di Lausanne; EDOARDO CECCUTI, Direttore dell’Archivio dell’Istituto Luce e i documentaristi GIANCARLO BOCCHI (regista noto per i suoi documentari sulle guerre in corso nel mondo) e MARCO BERTOZZI, docente all’Università di Architettura IUAV di Venezia, autore del pluripremiato libro Storia del documentario italiano (Marsilio, 2008).

MOSTRA “TERRA E LUCE, DALLA GURFA AL RODEN CRATER”. Il Festival sarà inaugurato il 6 Luglio alle 19.00 con il vernissage della mostra d’Arte Contemporanea più importante d’Europa “Terra e Luce, dalla Gurfa al Roden Crater” con un ospite eccezionale, l’artista statunitense JAMES TURRELL, figura di primo piano dell’arte contemporanea da quasi quarant’anni. La mostra si concluderà a settembre.

James Turrell terrà una lecture pubblica dal titolo “Plato’s Cave and the Light inside” (sabato 11 luglio alle 21) che illustrerà la nascita del suo progetto del Roden Crater, il più grande progetto di land art del mondo. Collocata in un remoto angolo del Painted Desert (Arizona, USA), l’opera si snoda in 15 ambienti ipogei costruiti (o in fase di esecuzione) all’interno di un imponente cratere estinto, noto come Roden Crater. La lecture sarà accompagnata dal trio composto da Maria Pia De Vito, Michele Rabbia e Maurizio Giri che eseguiranno, per la prima volta in Italia in pubblico, la Roden Crater Suite.

Il progetto nasce dalla riscoperta del complesso della Gurfa da parte del fotografo ALESSANDRO BELGIOJOSO, il quale ha ideato e realizzato un progetto fotografico su questo esempio di architettura rupestre di incerta datazione. James Turrell ha reso possibile l’allestimento di una mostra che racconta il suo lavoro di quarant’anni al Roden Crater, curata da Agostino De Rosa e Imago rerum dello Iuav di Venezia. I due allestimenti sulla Gurfa e sul Roden Crater sono stati riuniti per il Festival Sole Luna in un’unica mostra dal titolo “Terra e Luce, dalla Gurfa al Roden Crater” e per la quale Sole Luna ha realizzato il modellino delle 5 stanze della grotta e i modellini delle 18 stanze del progetto Roden Crater. Il catalogo è edito da SKIRA in lingua italiana ed inglese.

OMAGGIO A CHRISTOPHER NUPEN.  Sarà possibile vedere la maggior parte dei film di Nupen, una vera e propria leggenda nel mondo dei documentari sui grandi musicisti.

Print Friendly

5 luglio 2009