La complessità del senso
16 12 2017

Critica, un rapporto intimo

cinema-sisifo1.jpg

 

 

 

 

Conoscete il mito di Sisifo? 

Tornare ogni volta ai piedi della montagna

per quella pietra che rotola giù. E sapendo,

senza sperare, sollevarla e riportarla in cima.

Chissà quando è cominciata questa storia…

 

Ora Sisifo e la pietra vivono

del loro rapporto lucido, consapevole, assurdo.

E’ un contatto intimo, che non ha segreti:

il traguardo è la partenza. Una vita generosa,

ma non è slancio animale, ottimismo incosciente,

è certezza del negativo.

 

La critica e il cinema

vivono dello stesso rapporto.

La critica è metodo che sa di non poter

diventare sistema senza morire. E allora

vive la sua vita in negativo.

Per ogni film una nuova fatica e tornare giù

per rinnovarsi, ma senza illudersi

che finalmente sia la volta buona:

Chiudere il discorso col cinema non è possibile

finché c’è un film ancora da vedere.

 

Una fatica assurda, lucida, generosa:

un rapporto intimo, un amore.


Franco Pecori, Un rapporto intimo, Filmcritica, n.215, aprile-maggio1971


 

 

Print Friendly

1 aprile 1971