La complessità del senso
16 11 2018

OperaInCanto, Gianni Schicchi

Terni, 6-12 ottobre 2012. La manifestazione musicale OperaInCanto propone due produzioni, entrambe pensate anche per il pubblico di OperaScuola. Il programma è realizzato dall’Associazione InCanto, con il patrocinio del  Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, Dipartimento dello Spettacolo, della Regione dell’Umbria, del Comune di Terni, della Fondazione Carit, con la collaborazione di Santa Cecilia Opera Scuola.

 

La prima proposta è il Gianni Schicchi recentemente realizzato dall’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, nell’ambito del progetto OperaStudio, con la quale s’inaugura una prestigiosa collaborazione. Il celebre atto unico (terza parte dei Trittico, dopo Il Tabarro e Suor Angelica) rappresenta l’unico titolo comico di Giacomo Puccini su un soggetto che il librettista Giovacchino Forzano ricavò da un episodio narrato da Dante nel XXX Canto dell’Inferno: “falsificando sé in altrui forma, come l’altro che là sen va, sostenne per guadagnar la donna de la torma, falsificare in sé Buoso Donati, testando e dando al testamento norma”. Protagonisti saranno i giovani selezionatissimi allievi del progetto ceciliano, guidati da Renata Scotto (interpretazione vocale), Anna Vandi (tecnica vocale), Cesare Scarton (arte scenica e dizione), accanto all’Orchestra Roma Sinfonietta per la direzione di Fabio Maestri. La regia e le scene sono firmate dallo stesso Cesare Scarton. Le recite si terranno sabato 6 ottobre alle ore 21:00 e domenica 7 ottobre alle ore 17:30 presso il Teatro Comunale Sergio Secci di Terni. E si aggiunge una matinée per le scuole, sabato 6 ottobre alle ore 10:30.

 

La seconda produzione è formata da un insolito dittico: La Serva padrona di Giovanni Battista Pergolesi e, al suo interno (sorta di intermezzo dell’intermezzo) Boletus di Carlo Boccadoro. Il notissimo intermezzo pergolesiano viene presentato nell’edizione critica di Fabio Maestri e nella regia, attualizzata e virtuosistica, di Cesare Scarton. È produzione che ha già avuto larghissimi consensi a Roma e all’estero, in Ucraina, Lettonia, Estonia, Lituania. Ne saranno protagonisti due giovani ma già affermati cantanti, Damiana Mizzi e Dario Ciotoli, accanto al mimo Nicola Ciulla. Boletus, che sarà rappresentato in prima esecuzione assoluta su commissione dell’Associazione InCanto, si basa su un libretto di Giuseppe Di Leva e ha come protagonista il tenore Luigi Petroni.  Il dittico sarà rappresentato mercoledì 10 ottobre alle ore 21:00 presso il Teatro Secci di Terni. Le repliche per OperaScuola si terranno giovedì 11 e venerdì 12 ottobre a alle 10:30.

 

L’intermezzo nell’intermezzo è ispirato all’insolita partecipazione del compositore John Cage a Lascia o raddoppia? in veste di esperto di funghi. Grazie alla sua discreta cultura micologica, il compositore riuscì a rispondere a tutte le domande e a vincere 5 milioni di lire. Durante la trasmissione Mike Bongiorno chiese a Cage di eseguire alcuni suoi brani famosi, tra cui Water Walk e Sounds of Venice che lasciarono assai perplesso il presentatore e forse anche i milioni di ascoltatori italiani che seguivano abitualmente il programma, tant’è che Mike congedò il concorrente con queste parole: «Bravo signor Cage, arrivederci e buon viaggio. Torna in America o resta qui?». Cage rispose: «Mia musica resta». Rimane storica la conclusione di Bongiorno: «Ah, lei va via e la sua musica resta qui, ma era meglio il contrario: che la sua musica andasse via e lei restasse qui».
Print Friendly

28 settembre 2012