La complessità del senso
22 11 2017

Il pianista

 

film_ilpianistaThe Pianist

Regia Roman Polanski, 2002
Sceneggiatura Roman Polanski, Ronald Harwood
Fotografia Pawel Edelman

Attori Adrien Brody, Thomas Kretschmann, Frank Finlay, Maureen Lipman, Ed Stoppard, Julia Rayner, Jessica Kate Meyer, Emilia Fox, Ruth Platt.

Premi Cannes 2002: Palma d’oro, Orcar 2003 regia, Adrien Brody at.

 

E se i “cattivi” amano l’arte, la musica? Il pianista del film, l’ebreo polacco Wladyslaw Szpilman, sopravvive alle atrocità del ghetto e al bombardamento di Varsavia perché alla fine l’ufficiale tedesco lo salva, dopo averlo ascoltato suonare. Ci sembra questo il vero tema de Il pianista (titolo non casuale). La persecuzione degli ebrei non è certo assente, predomina anzi in quantità. Ma la questione resta l’altra. La tragica desolazione che risulta dalla ferocia dei nazisti si riscatta, nel film, col risarcimento, sia pure dolorosissimo, della musica. Nessun’altra ragione “personale” sembra poter competere con tale istanza estetica. Istanza parzialmente equilibrata dal modo impietoso con cui Polanski racconta la fredda determinazione di quei tedeschi, senza cedimenti ai codici hollywoodiani. Di alto livello l’interpretazione antieroica dell’americano Adrien Brody. E notevole la scenografia di Allan Starski, per la continua trasformazione dal documentario al teatrale, realizzata in modo funzionale al progredire del racconto, anche in senso emotivo. 

Franco Pecori

Print Friendly

25 ottobre 2002