La complessità del senso
20 11 2017

The Hours

film_thehours.jpg

The Hours

Stephen Daldry, 2002

Meryl Streep, Julianne Moore, Nicole Kidman, Ed Harris, Toni Collette, Claire Danes.

Berlino: Nicole Kidman Julianne Moore Meryl Streep (atr)

 

Intenso, coinvolgente, ma lucido nella costruzione del triplice racconto, il film tratto dal romanzo “Le ore”, di Michael Cunningham, rispetta l’intenzione dello scrittore (premio Pulitzer 1999), il quale s’era ispirato al romanzo di Virginia Woolf, “Mrs. Dalloway”, del 1925. Sicché, le storie di tre donne, nell’arco di quasi un secolo, dagli anni ’20 alla fine dei ’90, si articolano e confluiscono, senza mescolarsi, in un disegno intellettuale e sentimentale, che attraversa tempi e luoghi, sempre ridefinendosi, inesausto. Il merito del film è di dominare la  struttura non semplice, mantenendo in primo piano il feeling forte, quasi esplosivo, che lega la vita interiore delle tre fantastiche protagoniste; e che traccia una linea di contatto emozionante tra epoche e mondi diversi, accomunati dal tema di base: la sofferenza del vivere, la coscienza della difficile armonia di tempo e amore, di vita e ore, nella relazione interna che ciascuna esistenza ha necessariamente con quella altrui. Virginia (Kidman), Laura (Moore) e Clarissa (Streep), tre grandi attrici di sublime bravura, riescono a riscattare questa angoscia in un implicito quanto palpabile messaggio di speranza.

 

Franco Pecori

Print Friendly

7 marzo 2003