La complessità del senso
22 09 2017

Winx Club 3D – Magica avventura

film_winxclub3dmagicaavventuraWinx Club 3D – Magica avventura
Iginio Straffi, 2010
Fotografia Gianmario Catania
Animazione
Roma 2010, fc

Volano sempre più leggere le Winx. Ma non senza energia. Tra una bolla rosa e un mare di stelline che vengono incontro allo spettatore invadendo la sala, Bloom, Stella, Aisha, Tecna, Musa, Flora mollano certi schianti digitali da far tremare il cielo. Magia o non magia, sarebbe a dire che, quando si è convinti di stare dalla parte giusta si possono superare tutti gli ostacoli. Se Bloom/Giulietta riceve da Sky/Romeo l’invito a convolare a nozze, poco potrà il parere avverso di Erendor, padre dello sposo, un po’ perché l’inimicizia verso il regno di Domino si rivelerà frutto di uno storico equivoco e soprattutto perché le Winx saranno capaci di recuperare e attrarre la magia positiva. Di magie ve ne sono molte, ma al dunque lo scontro è bipolare: positivo contro negativo. L’Albero della vita muore se prevale la magia negativa. Le streghe Trix, appoggiandosi alle Antenate, provano a fare il colpo e tutto sembra crollare attorno a Bloom e alle Winx. L’accusa alle streghe è gravissima: «Voi siete il male assoluto, distruggete tutto solo per il vostro divertimento». Certo c’è modo e modo di divertirsi, si vorrà dire. Il racconto insomma non è solo per piccini. Il target dichiarato è per bambini, preadolescenti e adolescenti, ma un occhio riflessivo possono buttarcelo anche i parenti adulti. Lo spettacolo, tecnologicamente avanzato secondo la nuova filosofia italiana della ditta Raimbow, è leggero e lascia una gradevole impressione di “trasparenza”. Con la continua immissione di stacchi musicali (di Paolo Baglio) molto dinamici sembra proporre quasi una dimensione di musical.

Franco Pecori

Print Friendly

29 ottobre 2010