La complessità del senso
22 09 2017

Master & Commander

film_masterecommander.jpg

Master & Commander: The Far Side of the World

Peter Weir, 2003

Russell Crowe, Paul Bettany, James D’Arcy, Richard Stroh, Billy Boyd, David Threlfall, Thierry Segal.

Aprile 1805. Napoleone è padrone dell’ Europa. Solo la flotta inglese gli tiene testa. La fregata di Sua Maestà britannica “Surprise”, 197 uomini, 28 cannoni, viene attaccata di sorpresa e seriamente danneggiata da una nave molto più grande e veloce. Per il medico di bordo, Maturin (Bettany), il lavoro non manca. Ma rimesso a posto il tre alberi, il capitano Aubrey (Crowe) decide di dare la caccia al nemico fantasma, ai  “confini del mare”: oltre Capo Horn e fino alle isole Galapagos.  Crowe, perfetto nel ruolo, è “documentario” e insieme pieno di umanità. Il regista s’immerge con rispetto nel racconto di Patrick O’Brian, tanto da farci vivere l’avventura come fossimo proprio in quell’epoca, nella nave col suo equipaggio. Le tecniche del cinema moderno vendono “nascoste”, per darci una realtà non artefatta. Le cannonate, la tempesta, i dettagli della vita in mare, tutto trasmette il senso di una vicenda dura, dolorosa. Nessuna forzatura del sonoro, finalmente; e un’apprezzabile fotografia non turistica della meravigliosa natura.

Franco Pecori

Print Friendly

19 dicembre 2003