La complessità del senso
21 09 2017

Il signore degli anelli: Il ritorno del re

film_ilsignoredeglianelliilritornodelre.jpg

The lord of the rings: The retourn of the king

Peter Jackson, 2003

Elijah Wood, Ian Holm, Sean Astin, Cate Blanchett,

Orlando Bloom, Billy Boyd, Brad Dourif, Bernard Hill, Christopher Lee, Ian McKellen, Dominic Monaghan, Viggo Mortensen, Miranda Otto, John Rhys-Davies, Liv Tyler.

 

“Insieme ricostruiamo questo mondo, da poter condividere nei giorni di pace”. E’ il messaggio finale del film, terzo della trilogia dell’Anello, con cui si conclude il viaggio di Frodo e Sam. Giunto sul monte Fato, il giovane hobbit può distruggere l’anello malefico, consegnatogli dallo zio e forgiato dal Signore delle Tenebre, Sauron. L’era della Terra di Mezzo, tempo dei quasi umani (hobbit), finisce. Basta con gli orchi e con i cavalieri neri. L’umanità rispetti ora il suo destino. Il regista (sette anni dedicati al lungo racconto) prepara il finale assegnando all’azione un ritmo più lento rispetto alle prime due parti, e facendo spazio a momenti “riflessivi”. Pur non mancando le terribili battaglie, si ha il tempo per seguire i personaggi nello svolgersi delle vicende personali, con momenti dichiaratamente “affettivi”. Interviene una specie di contromisura, a ridimensionare la grandiosità fiabesca del mito, per farne qualcosa di più verosimile e più direttamente trascrivibile nel linguaggio a noi contemporaneo. Tanto che il “messaggio”, alla fine, riassume gli intenti in maniera fin troppo trionfale.

Franco Pecori

Print Friendly

22 gennaio 2004