La complessità del senso
20 11 2017

Volver – Tornare

film_volver.jpgVolver
Pedro Almodovar, 2006
Penelope Cruz, Carmen Maura, Lola Duenas, Blanca Portillo, Yohana Cobo, Chus Lampreave, Antonio de la Torre.

Realismo e surrealismo. Leggero e tragico. Segreti e pazzie. Letteratura e cinema. Come si rappresenta il passato? Semplice: mostrandolo. Come si racconta la tragedia? Con appassionata ironia. Come si confessano i segreti più intimi? attingendo alla “pazzia”. E la pazzia da dove viene? Dal vento. Da un libro, dalle parole che volano e si liberano in un paese battuto dal “solano”, vento caldo, soffocante. Metteteci Carmen Maura e Penelope Cruz e avrete Almodovar. L’ultimo Almodovar, sentimentale e forse più vero. Un fantasma vive accanto a Sole e Raimunda, due sorelle molto diverse tra loro, e accudisce fino all’ultimo respiro la zia Paula. Quando Sole se ne accorge, smette di aver paura e accetta in casa quella “donna” che sembra essere proprio la madre, sparita da molto tempo, dopo un tragico incendio. Credere al fantasma? il problema è sopravvivere. E se il passato torna, accoglierne i segreti, anche terribili. C’è un delitto che conosciamo e altre cose che conosceremo al momento opportuno. “Rappresentazione” e “verità” si alternano in un tessuto letterario miracolosamente trasformato in cinema. Sublime Maura, bravissima Cruz.

Franco Pecori

Print Friendly

19 maggio 2006