La complessità del senso
19 11 2017

Radio America

film_radioamerica.jpgA prairie home companion
Robert Altman, 2006
Fotografia
Edward Lachman
Garrison Keillor, Meryl Streep, LilyTomlin, Woody Harrelson, John C.Reilly, Kevin Kline, Virginia Madsen, Lindsay Lohan, Maya Rudolph, Tommy Lee Jones.
Berlino 2006, concorso.

Durante. Lo scorrere del tempo, nello stretto rapporto tra fuoriscena e “on air” (in onda), è il personaggio principale del film. Altman non “racconta” il programma radio “A Prairie Home Companion”, condotto da oltre 30 anni da Keillor e seguìto negli Usa da milioni di ascoltatori; Altman lo vive nel suo svolgersi. Durante. Questa capacità di esserci, di non lasciare il progetto sulla carta neanche per un momento, fa di Altman il regista di grandi film, come questo Radio America. Corposo e raffinato, nella discrezione dei contenuti – testi spiritosi e musica country, tradizione e pubblicità – e nella compostezza della conduzione, il programma radio non parla dell’America, parla l’America (transitivo). E’ l’America che un misterioso angelo (Madsen) viene a portarsi via ancor prima che un rude imprenditore (Lee Jones) chiuda il programma; e che ha l’aria di non volersene andare, radicata com’è nell’anima dei cowboys e delle mamy (Streep). Tempo vuol dire anche musica, un po’ come in Nashville. I pezzi eseguiti veramente in diretta sono qualcosa che va oltre la “credibilità” del film, sono la misura stessa della sua esistenza.

Franco Pecori

Print Friendly

1 giugno 2006