La complessità del senso
21 09 2017

In viaggio con Evie

film_in_viaggio_con_evie.jpgDriving Lessons, 2006
Jeremy Brock, 2006
Julie Walters, Rupert Grint, Laura Linney, Nicholas Farrel, Michelle Duncan.

Al primo lungometraggio, Jeremy Brock sa già come si fa un film di contestazione perfettamente inglese. Non è necessario essere atei per godersi la satira, garbata ma tagliente, dell’educazione religiosa molto rigida e chiaramente “falsa”, che impedisce al diciassettenne Ben di vivere la propria età. Madre bigotta e padre prete indulgente sono una coppia esemplarmente male assortita. Ben, più che un ragazzo, è un pupattolo impacciato. Ma poi incontra la “terribile” Evie, attempata attrice, una peste di donna senza pregiudizi, e scoppia un legame dirompente. Ben/Grint (ricordate l’amico di Harry Potter?) crede di aver trovato un lavoro di assistenza ad una persona anziana cercando tra gli annunci del giornale della parrocchia. Ma Evie (bravissima Julie Walters), un po’ squinternata e suscitatrice di “verità”, lo apre come un frutto maturo. Mette anche in gioco, sotto la maschera burbera, la propria fragilità di donna sensibile, riesce però a scalfire le rigidità di Ben e della famiglia del ragazzo. Il regista si comporta con discrezione, come “lasciando fare” nei momenti “scabrosi”, con simpatia e con tocco delicato. Sicché, anche gli spigoli più acuti risultano gradevoli.

Franco Pecori

Print Friendly

1 dicembre 2006