La complessità del senso
22 09 2017

Apnea

film_apnea.jpg
Apnea
Roberto Dordit, 2004
Claudio Santamaria, Fabrizia Sacchi, Michela Noonan, Diego Ribon, Giuseppe Battiston, Elio De Capitani, Daniele Mauro, Emilio De Marchi, Enrica Rosso, Emanel Dabone.

Ci dispiace per il bambino (Daniele Mauro nella parte di Leo). Si chiama Leo e non parla, ha un segreto dentro di sé, ha visto qualcosa. Il genere è il noir, lo spirito è documentario, il simbolo è una vecchia mensa per gli alpini, che Paolo (Santamaria), ex praticante di scherma vuole trasformare in centro sportivo. Ma il tema è difficile da individuare. Siamo nel Nordest italiano. Paolo confidava nell’aiuto di un vecchio amico, ma questi a un certo punto è scomparso misteriosamente. Non resta che andare sulle sue tracce. L’indagine si complica perché, procedendo il film, ci si accorge che la vera questione è un’altra. Il lavoro poco pulito, lo sfruttamento degli operai a scapito della loro salute. Conciature di pellame, lavoro nero, extracomunitari. Paolo finirà sottacqua, in un’infinita apnea. Nei secondi che lo conducono alla fine il tema si svela. Ma lo stile no, risente forse della preoccupazione del regista di offrire al suo film una possibilità anche televisiva (di questi tempi, la distribuzione nelle sale non è facile).

Franco Pecori

Print Friendly

16 febbraio 2007