La complessità del senso
20 09 2017

Shark Tale

Shark Tale
Eric “Bilbo” Bergeron, Victoria Jenson, Rob Letterman, 2004
Animazione – nella versione originale: Jack Black (vc), Robert De Niro (vc), Angelina Jolie (vc), Martin Scorsese (vc), Will Smith (vc), Renée Zellweger (vc).

 

Risposta della Dreamworks al Nemo della Disney. Presentato a Venezia lo scorso settembre in una fragorosa anteprima a Piazza San Marco, il film è un capolavoro di tecnologia digitale che si regge sulla trovata di dare ai protagonisti acquatici, squali e tutta la popolazione di pesci, le sembianze di attori famosi, doppiati dalle loro stesse voci. Equivalente importanza ha l’impianto parodistico: nella città sommersa,i pesci come gli uomini. Oscar è il pesciolino (voce italiana di Tiziano Ferro) ambizioso,che si trova per caso a vestire i panni dell’eroe. Diventa amico di Lenny (voce di Luca Laurenti), squalo vegetariano (!), figlio-vergogna di Don Lino, il “boss” a cui ci si inchina dicendo “baciamo le pinne”. Pesce piccolo e ambizioso, Oscar rischia di provare sulla propria pelle quanto sia dura la vita se non si hanno “appoggi”. Ma poi, alla fine, si accorgerà che non è necessario guardare troppo in alto né troppo lontano per trovare la felicità. Gradevole la grafica computerizzata, anche se a tratti l’impressione è come di “fiore finto”.

 

Franco Pecori

Print Friendly

25 febbraio 2005