La complessità del senso
22 09 2017

Shall We Dance?

film_shallwedance.jpgShall We Dance?

Peter Chelsom, 2004

Richard Gere, Jennifer Lopez, Susan Sarandon, Stanley Tucci, Anita Gilette, Bobby Cannavale, Lisa Ann Walter, Omar Benson Miller.

 

Un Gere sognatore, una Sarandon sbigottita, una Lopez appassionata, una riflessione sul matrimonio con finale nel binario, supercorretto. Chelsom, dopo Serendipity – 2001 -,  racconta ancora una storia ottimista, basata sull’avverarsi improvviso di un sogno, un qualcosa che cambia la vita. Qui la materia è la danza, quella delle scuole di ballo di medio livello (il fenomeno è vasto), il “liscio” che toglie i pensieri e fa sentir bene la gente comune, di varia estrazione, che non sarà famosa. Avvocato civilista a Chicago, John (Gere) è insoddisfatto della sua vita grigia e decide di realizzare il suo sogno di ballare. Complice lo sguardo di Paulina (Lopez) dalla finestra della scuola dove la giovane insegna, si lancia nell’avventura, senza dirlo alla moglie (Sarandon). La famiglia non è in gioco. La commedia è costruita sul tratto credibile dei personaggi, anche comprimari, che vanno al ballo ciascuno con la propria motivazione, cercando un risarcimento segreto. Gere sfrutta le sue doti fisiche, Sarandon è brava a restare al suo posto di moglie, mentre Lopez resiste all’improbabile amore con Gere, aggrappandosi alla passione per la danza.

 

Franco Pecori

Print Friendly

29 ottobre 2004