La complessità del senso
25 09 2017

Nessuna verità

film_nessunaverita.jpgBody of Lies
Ridley  Scott, 2008
Leonardo  Di Caprio, Russell  Crowe, Mark Strong, Golshifteh  Farahani, Mark  Strong, Michael Gaston, Vince  Colosimo, Oscar  Isaac, Ali  Suliman, Ali  Khalil, Carice  van Houten.

Una verità c’è, ma non ha la maiuscola. Ed è che, allo stato delle cose, è inutile cercare la Verità sul principale conflitto nel mondo, tra America/Occidente e Islam. Il duello, non sappiamo se mortale davvero, è in corso e ciascuno dei duellanti usa le armi che ha, l’uno in nome della Democrazia, l’altro in nome di Allah. Su questa complessa e scomoda ovvietà, Scott, il quale di “duellanti” se ne intende (I duellanti ha aperto nel 1977 la sua carriera di grandi successi), costruisce, a partire dal libro di David Ignatius, un thriller d’azione dominato dal senso progressivamente ambiguo della filosofia sottostante. La Cia (Hoffman/Crowe) controlla a distanza il comportamento dell’agente Ferris (Di Caprio), inviato in Giordania per stanare un pericoloso esponente di Al Qaeda. E passo dopo passo, constata quanto le “leggi” del terrorismo possano essere “misteriose”, coinvolgenti oltre che spietate. Ancora di più se ne accorge Ferris. Mentre Hoffman conduce il gioco via satellite, è l’agente sul campo a verificare col proprio corpo la tremenda consistenza dell’intreccio globale. E man mano ci accorgiamo che un “duello” si delinea anche all’interno della Cia. Non siamo ai livelli di Alien o di Blade Runner, ma Scott non perde il ritmo. Nonostante si lasci “distrarre” da una curva narrativa non necessaria (la storia quasi d’amore tra Ferris e l’infermiera Aisha/Farahani), le scene “movimentate” non mancano e, soprattutto, non perdono mai il loro valore strutturale, non degradano a vuota attrazione. Ben si coniuga con lo stile complessivo della regia la prova degli attori. Crowe appare concentrato nella caratterizzazione del personaggio (ha dovuto anche crescere di peso in misura notevole), Di Caprio è bravo nel contenere la sofferenza fisica (tortura compresa) nei giusti limiti, come vuole il suo ruolo di eroe-antieroe.

Franco Pecori

Print Friendly

21 novembre 2008