La complessità del senso
22 11 2017

La 25a ora

film_la25ora.jpg25th Hour

Spike Lee, 2003

Edward Norton, Rosario Dawson, Brian Cox, Philip Seymour Hoffman, Anna Paquin, Barry Pepper.

 

Sette anni di carcere attendono Monty (Norton). Ha smerciato droga e l’hanno preso. Prima dell’inferno, dedica l’ultimo giorno ad una “ricognizione” del proprio dolore. Rimasto a 11 anni senza madre e col padre ubriacone, ha perso le “normali” certezze e cerca, disperato, di aggrapparsi agli amici più vicini. Uno di essi gioca in borsa, l’altro interpreta in modo sofferto il ruolo di insegnante; Naturelle (Dawson) è la ragazza che lo ama e che forse lo ha denunciato. E, non ultimo, c’è il cane, raccolto morente in strada. Spike Lee mira al cuore della storia, evitando facili evoluzioni sul versante “giallo” e/o “noir”, ed esaltando le qualità discrete dei personaggi, ciascuno dei quali offre una chiave d’interpretazione della realtà americana. Evitata anche una eccessiva coloritura del linguaggio, che avrebbe dato al film un sapore “popolare” non consono alla sostanza esistenziale del racconto. Bravo Edward Norton a sostenere questo piano dell’interpretazione. «Vorrei essere come quella ragazza di X Man, quella che passa attraverso i muri», dice Monty, al culmine dell’insofferenza. Sognerà di andarsene via col padre, nel deserto, dove le giornate sono vestite di beata normalità.

 

Franco Pecori

Print Friendly

18 aprile 2003