La complessità del senso
26 09 2017

In questo mondo di ladri

film_inquestomondodiladri.jpgIn questo mondo di ladri

Carlo Vanzina, 2004

Carlo Buccirosso, Valeria Marini, Biagio Izzo, Enzo Iachetti, Max Pisu, Ricky Tognazzi, Leo Gullotta.

 

Il residence non esiste. L’acquisto in multiproprietà si rivela una truffa per i cinque “acquirenti”, che si ritrovano a Livigno, sulle Dolomiti, pieni di rabbia. Otterranno giustizia? E’ un problema. Alla Polizia c’è una montagna di denunce. Ci penserà Gastone (Tognazzi), vicino di casa, bidonista della porta accanto, ad organizzarli per la rivincita verso “questo mondo di ladri”. Finiranno ai Caraibi, nell’isola che c’è, «dove i più grandi ladri del mondo seppelliscono i loro tesori». Indeciso nella denuncia dei ladri, il film è gradevole per la raffica di battute, che soprattutto nella prima parte, occupano ogni riga della sceneggiatura. Lo script parla il linguaggio strettamente attuale, esibendo alla perfezione il piccolo immaginario umoristico dell’italiano medio in piena evoluzione. Nella seconda parte Vanzina sembra costretto a seguire l’evolversi della situazione, alquanto macchinosa. Si avverte una certa preoccupazione di non uscire dalla “correttezza”, che oggi sembra d’obbligo quando si affrontano temi di riferimento sociale, specie se vestiti con l’abito della commedia.

 

Franco Pecori

Print Friendly

29 ottobre 2004