La complessità del senso
20 11 2017

Bara con vista

film_baraconvista.jpgPlots with a vies

Nick Hurran, 2002

Alfred Molina, Brenda Blethyn, Lee Evans, Christopher Walken, Naomi Watts.

 

Delizioso e profondo, acuto, spiritoso, ironico, equilibrato nella scrittura. Provocatorio nella scelta del tema (il funerale come momento rivelatore di verità e bugie), il film tocca con delicatezza le corde di quanti, al giro di boa dei 50, scoprono di essere ancora capaci di ascoltare il proprio cuore e di dare corpo ai sogni che hanno cullato per una vita. L’impresa di pompe funebri, di cui Boris (Molina) è titolare non volontario, è il “luogo” di una vicenda che si nutre del paradosso come del piatto centrale nel più velenoso e digestivo dei pranzi. Boris sogna d’essere Fred Astaire e di avere in Betty la sua Ginger. Betty (la Brenda Blethyn di Segreti e bugie) lo può finalmente assecondare, quando la morte della suocera la libera dalla fedeltà “obbligata” al marito infedele. E si organizza un vero/finto funerale di lei, sognando la fuga e la felicità. Spettacolo e inverosimiglianza si coniugano nella satira dei funerali “a tema”, importati dall’America dal concorrente sgangherato di Boris; e nella fanciullesca “scommessa” dell’incidente “mortale” di Betty. Il risultato è una verità poetica, ancorata alla realtà, tutta interna e non per questo meno vera, di un amore possibile al di là delle convenzioni della piccola società.

 

Franco Pecori

Print Friendly

4 dicembre 2002