La complessità del senso
19 11 2017

28 giorni dopo

film_28giornidopo.jpg

28 Days Later

Danny Boyle, 2002

Richard Harris, Naomie Harris, Christopher Eccleston, Brendan Gleeson, Megan Burns, Cillian Murphy.

 

Remake de “La notte dei morti viventi”, George A. Romero, 1968. La rabbia può uccidere il mondo, può diffondersi come un’epidemia ed annientare la società. Il film di Boyle sa di incubo premonitore. Un paziente si risveglia dal coma e trova il deserto attorno a sé. Nessuno in ospedale, nessuno in città. L’infezione è nata in laboratorio, da un gruppo di scimpanzè sottoposti a flusso di immagini violente. Ora sciami di infetti inferociti sono alla caccia di “sopravvissuti”. Impressionante il realismo del racconto, che evita sottolineature moralistiche e “suggerimenti” letterari.

 

Franco Pecori

Print Friendly

16 giugno 2003